Archivi tag: innovazione

Quando il “social media strategist” e’ improvvisato.. arrivano guai per le aziende

C’è la crisi e occorre inventarsi un lavoro, riciclarsi.
Giustissimo, però questo non vuol dire improvvisarsi esperto di qualcosa o peggio ancora “stratega” in una materia.

E invece è accaduto che qualcuno, alzatosi una mattina, sapendo che i social “sono il futuro”  ha pensato :  << bene, nel mio CV  scriverò che sono un social media strategist >>.

Il furbo avrà giustamente pensato: il nome in inglese suona bene, il termine “strategist” ispira fiducia e rassicura il cliente che penserà <<bene, è arrivato lo stratega, ora ci tirerà fuori per magia dai guai>>.

Ma l’astuto “stratega” si è spinto oltre, avrà pensato che non esistendo un ordine professionale che possa certificare la propria professionalità come “social media strategist” non ci sarebbero stati problemi.
Beh,  avrà pensato il nostro eroe, << al massimo occorrerà ogni tanto dare una sbirciatina a qualche sito che insegna rudimenti di SEO e comunicazione>> , anzi forse proprio frequentando qualcuno di questi siti si sarà autoconvinto di essere competente .

E difatti non occorre molto per scrivere “social media strategist” sul C.V. , poi nella pratica arrivano i guai e tu, malcapitato imprenditore che hai affidato al primo “social media strategist” che ha suonato al campanello (o magari allo stagista appena arrivato che pare sia così bravo nell’ usare facebook, che tradotto significa avere centinaia di “amici”), l’immagine (oltre alle speranze e al fatturato) della tua azienda ne paghi le conseguenze.

Proprio tu imprenditore, che hai scoperto solo più tardi che la pagina facebook aziendale non ha fatto i miracoli che ti aveva promesso il famigerato esperto di social media di cui sopra; che hai potuto constatare che gestire una presenza online richiede tempo e competenza (e anche padronanza della grammatica italiana!), che Internet non è il posto dove si possono “prendere in prestito” foto,video e testi dalle pagine altrui senza chiedere il permesso. A te forse il noto esperto di social media aveva detto il contrario, giusto? Ti aveva rassicurato che tutto quello che è pubblicato su internet si può riutilizzare a piacimento scommetto. No non è così, saresti contento, imprenditore, se qualcuno copiasse un testo dal tuo sito o utilizzasse le foto di un tuo prodotto per promuovere il suo?

Sicurezza online? privacy? Parole sconosciute per il nostro esperto: condividiamo tutto! iscriviamoci a tutti i servizi online di questo mondo, che ci importa fisicamente dove sono i nostri dati e cosa recitano i disclaimer dei siti a cui ci iscriviamo?
A nulla, avrà pensato l’amico, certamente sono stati scritti per passare tempo!

Conoscenza del prodotto, del mercato, del processo produttivo? Non serve, avrà pensato l’espertone, mettiamo una bella foto del prodotto su facebook e le vendite aumenteranno, << anzi poi apriamo un blog ed un e-commerce>> , belle idee, peccato che entro qualche mese diventerà deserto e talmente pieno di vulnerabilità di sicurezza da essere bersagliato continuamente da attacchi informatici, senza aver venduto online neppure uno spillo, sia chiaro.
Anzi, magari con la beffa di aver aumentato la produzione nell’ottica di avere scorte di magazzino in grado di soddisfare le tanto attese orde di consumatori online,le centinaia di fan della nostra pagina facebook sempre pronti a cliccare “mi piace” ma che però non comprano mai.

Tante chiacchiere dunque, tante promesse di miracoli, diversi soldi spesi, ma di questa famosa “strategia” alla fine non se ne vede traccia, dei risultati promessi neppure.

Insomma, caro imprenditore, stai bene attento; se pensi che bastino solo i social media per rimettere in piedi la tua azienda, senza invece investire in un progetto di riorganizzazione aziendale completo, rischierai di rimanere deluso.
La promozione online del tuo prodotto è solo uno dei tanti aspetti del tuo business, certamente importante, ma non scollegata da tutto il resto. Non occorre quindi assoldare il primo che passa, ma qualcuno che possa fornire una consulenza a 360 gradi (chiaramente non un singolo, si rischierebbe di imbattersi in un tuttologo…altra categoria pericolosa!) e farsi affiancare poi da qualcuno che, senza improvvisare, possa curare la comunicazione online, senza però lasciarsi abbindolare da chi promette miracoli, ma scegliendosi un “new media strategist” di comprovata serietà, che abbia un approccio ingegneristico e sappia proporre soluzioni adatte al contesto.

E’ Natale, per cui per ora finisce qui, nella prossima puntata parleremo del temutissimo “amico esperto di informatica” (tradotto: l’utente medio di pc, che però magari è il più informatizzato tra i conoscenti) che tutti gli imprenditori interpellano per valutare le strategie proposte dai consulenti informatici.